Tonino Gottarelli

MoreAbout

Tonino Gottarelli was born in 1920 in Imola in Vicolo Brullo, which will leave a profound mark on his way of life as he is educated, before elementary school, by a strange gentleman who lives in the same street and who spends his days educating the boys , the smallest in the neighborhood. He attended the Royal Gymnasium B. Rambaldi in Imola and subsequently graduated in philosophy from the University of Urbino. At twenty he wrote the novel L’ideale, which was published during his military service in Parma, in 1942. A year later, in the infantry barracks at the Moncenisio pass, where he served as second lieutenant, he wrote a short story , The solitaire game, published in Imola. He started painting around the 1950s. In 1953, he published the collection of lyrics, The rain in the city and the following year Where I live, therefore, And of trees nothing has been said yet.

Artworks

UN AZZURRO MOMENTO

Acrylic and Collage on Canvas
50 × 40 cm

UNA FIUMANA DI CASE

Acrylic on Canvas Board
35 × 50 cm

TUTTO CIELO

Acrylic and Collage on Table
88 × 93 cm

IERI APPENA IERI

Acrylic and Collage on Canvas Cardboard
73 × 52 cm

FOGLIE COLOR CUOIO

Acrylic and Collage on Table
52 × 45 cm

LE GIUNCHIGLIE

Acrylic and Collage on Table
195 × 165 cm

VISTO SOLO IL GESTO

Acrylic and Collage on Table
63 × 51 cm

SOLTANTO POESIA

Acrylic on Yellow Paper
55 × 38 cm

IL SUPPORTO VERDE

Acrylic and Collage on Intelated Tissue Paper
51 × 24 cm

TULIPANI IN AGONIA

Acrylic and Collage on Canvas
60 × 80 cm

SEGNALI TUTTO CIELO

Acrylic and Collage on Table
60 × 85 cm

PUNTO DI VISTA

Acrylic and Collage on Table
80 × 100 cm

IL SEGNALE SULLA NEVE

Acrylic on Canvas
60 × 80 cm

TRA CONTENUTO E FORMA

Acrylic and Collage on Table
92 × 71 cm

VERSO IL SILENZIO

Acrylic on Canvas
60 × 50 cm

IL CIELO TRA I RAMI

Acrylic on Table
50 × 50 cm

LA COPERTINA ROSSA

Acrylic and Collage on Cardboard
100 × 70 cm

IL DRAPPO ROSSO

Acrylic and Collage on Cardboard
55 × 39 cm

IL CIELO DELLA NEVE

Acrylic on canvas Board
20 × 30 cm

IL COLORE DELLA COLLINA

Acrylic on Cardboard
70 × 100 cm

SOLD

AL TRAMONTO

Acrylic on Yellow Canvas Board
38 × 55 cm

MoreAbout

He began teaching: first as a professor of history and geography in middle school, then his interest moved to childhood psychology and taught as an elementary teacher in the most disparate places in the Imola area. He writes and paints continuously and it is from this period that he chose to isolate himself and live only in the countryside. In 1960 he won the Cervia prize with the collection of lyrics Yesterday and Today. On this occasion, he met the literary critic Giacinto Spagnoletti, president of the jury together with Giuseppe Ungaretti. From 1965 to 1967 he lived in a house along the banks of the Sillaro, near Castel San Pietro Terme (BO) where he wrote the poem Il Paese del Diavolo, never published. In 1969 he published the collection of poems “Afternoon of the adverbs”, and the poem of the sea, published in an art edition, La botte di Diogene, also dates from this period. In 1971 the poetry book “The girl and the revolution” came out, with the presentation by Giacinto Spagnoletti.
As for his pictorial activity, the first personal exhibition held in Faenza (RA) dates back to 1960, followed by a series of exhibitions focusing on collages, to arrive in 1966 with the exhibition in Paris, which will be the result of maturity and which will get him the invitation to the “Salone di Maggio”. His love for nature led him to move relentlessly, from one home to another, until he stopped, in the late sixties, in the Pediano (Imola) area and stayed here for about two decades. In 1973 he published the novel Love in slow motion and began writing in the form of a diary, a collection of philosophical-love letters, which he would publish almost ten years later, under the title “Useless Letters”.We are therefore in 1981, the year in which Gottarelli moved definitively from the Imola countryside to the city and in particular to via Spaventa nr. 5, where it remains until death.
Tonino Gottarelli carries on this artistic ambivalence of writing and painting with the same fervor up to claiming that his poetry which is a “speaking painting” and his painting a “silent poetry”. In 1989, the Vita poems collection of an idea with which he won the first prize Lions Club, in Milan, was released. A book full of walks and metaphysical questions and the volume of reflections and aphorisms will be followed by Riassunto del cielo. Thoughts in perspective, a work that does not betray Gottarelli’s passion for all that is meditative thinking. In 1995 he published Musa a domicilio, a volume that brings together the contemplative spirit of those who still know how to “feel” and “see” with their eyes. In recent years we find him in the solitude now customary to write and paint continuously, immersed in intense but always conscious research.
In the meantime, his exhibitions are set up in Italy and abroad. Do not forget the act of generosity towards his city Imola, to which he has always been extremely attached, that of having created in 2002 the Centro Studi Foundation which bears his name and has as main task to be promoter and interpreter of his poetic and pictorial path.
Tonino Gottarelli dies in Imola on February 20, 2007

Publications and Reviews

1942 – The first novel “L’ideale” (Ideal) (ed. Tip. Riunite Donati, Parma)

1943 – Collections of short stories “Il Gioco del solitario” (Game of the Solitaire) (ed. P. Galeati of Imola).

1953 – Collection of lyrics “La pioggia in città” (The Rain in the City) (ed. U. Guanda, Modena)

1954 – Poetry volume “Dove abito io” (Where I Live) (ed. Gastaldi, Milan)

1955 – Book of poems “E di alberi non si è detto ancor nulla” (And of Trees, Nothing Is Said Yet) (ed. Gastaldi, Milan).

1960 – He is rewarded by Giacinto Spagnoletti and Giuseppe Ungaretti at the Cervia Prize with the collection of lyrics “Ieri e oggi” (Yesterday and Today) (ed. Rebellato, Padova).

1962 – Finalist at the Avanti Prize of Bologna.

1967 – He publishes in the art edition the poem of the sea “La botte di Diogene” (The barrel of Diogenes) (ed. Galleria Le Muse of Bologna)

1969 – He publishes the collection of lyrics “Il pomeriggio degli avverbi” (The Afternoon of the Adverbs) (ed. Il Cavaletto, Castel S.Pietro Terme (BO)

1971 – Gatti Award with the book “La bambina e la rivoluzione” (The Little Girl and the Revolution) with the presentation of Giacinto Spagnoletti. (ed. Rebellato, Padova)

1973 – The novel “L’amore al rallentatore” (Love to the Slow Motion) (ed. Rebellato, Padova)

1981 – He publishes the art book “Lettere Inutili” (Worthless Letters) (ed. La Fotocromo Emiliana, Castel S. Pietro Terme)

1982 – “E. Nicolardi”, Poetry award, Napoli.

1984 – Finalist at the literary prize of poetry “Città di Bologna”.

1986 – Finalist of the poetry contest Lioness Club in Milan with an innovative sylloge.

1989 – Collection of lyrics “Vita di un’idea” (Life of an Idea) with which he won the first prize in Milan. (ed. Guelfi, Verona)

1990 – He publishes the psycho-philosophical essays “Riassunto del cielo” (Summary of Heaven) (ed. Guelfi, Verona)

1991 – He begins the design and production of the volume “Le pagine” (Pages), unpublished work.

1991 – Second edition of “Lettere Inutili (e qualche altra cosa)” (Worthless Letters and Some Other Things) (ed. Guelfi, Verona)

1992 – The volume of reflections and aphorisms “Pensieri in prospettiva” (Thoughts in Perspective) (ed. Tipografia Fanti , Imola)

1995 – He publishes the volume of short stories “Musa a domicilio” (The Muse at Home) (ed. Tipografia Fanti , Imola).

1996 – Third edition of “Lettere Inutili” (Worthless Letters) (ed. Spazio Lanzi, Bologna).

1960 – Personal exhibition in Faenza

1960 – Exhibition at Hotel Real Fini in Modena from 16 to 31 May with presentation by Armando Montanari.

1961 – Exhibition with Giorgio Merli in the Enal Recreation Club of Imola from 7 to 22 June; Solo exhibition at Faenza – “Baccarini” Room from 30 April to 12 May; Collective exhibition “Exhibition of Artists” in Palazzo Sersanti of Imola from 24 September to 8 October

1964 – Exhibition at the Bottega Gallery in Bologna from 30 December to 13 January

1966 – Collective exhibition in Paris and Castel San Pietro Terme at “Cavaletto” Gallery – April 9-25.

1967 – Collective exhibition at the Grand May Fair in Paris; Exhibition at the Galleria “Le Muse”, Bologna.

1968 – He exhibits with Angelo Biancini at Cavalletto Gallery of Castel S: Pietro Terme (BO). From December 26 to January 4, he exhibited at the Le Muse Art Gallery of Bologna.

1970 – He performed in an exhibition in Lugo di Romagna (RA) the Italian Risorgimento with a series of collages presented under the title: “The History of the Book of History”.

1972 – Solo exhibition at the Galleria d’Azeglio of Bologna from 8 to 20 January

1973 – Personal exhibition at the Lame Gallery in Bologna

1974 – Solo exhibition at the “La Bottega” Art Gallery of Bologna; Exhibition at the “dei Giovani” Art Gallery of Imola

1975 – Exhibition at Castel San Pietro Terme from 9 to 23 October

1976 – Anthology at the Auditorium of Imola from 31 January to 29 February.

1977 – Exhibitions in the Lame and Farini Galleries in Bologna

1978 – Exhibition of collages at Galleria Meridiana, Bologna.

1979 – Exhibition at the Farini Gallery, Bologna.

1980 – Exhibition at the Gallery of Le Nuts in San Lazzaro di Savena (BO)

1981 – He works for the stage design of the “Piazza Maggiore di Notte” edition in Bologna. In the same year he exhibited and presented the book “Worthless Letters” at Capannone Centro d’Arte in Osteria Grande (Bologna) from 27 September to 12 October.

1982 – Personal exhibition “Enigma and Silence” in the Municipal Library of Castel San Pietro Terme (BO)

1983 – Anthology at the Imola Savings Bank Auditorium.

1984 – Solo exhibition at Udine, Bologna and Milan.

1985 – 40 works from 1970 to 1984 at the House of Art of Sasso Marconi (BO) together with Carlo Carrà and finalist at the painting award “Cattabriga”, Bondeno (FE)

1986 – He won the prize at the “Incontro” competition in Palermo; Exhibition in the Municipal Palace of Bondeno and in Partinico (PA). Collective exhibition in Palermo curated by Pasquale Bucci. Solo exhibition at the Imola Marine Art Center.

1987 – Solo exhibition at the Ghelfi Gallery in Verona

1988 – Exhibition at SeveriArte Gallery in Bologna with presentation by Vittorio Sgarbi. Exhibition at the Sfrozesca Fortress in Imola.

1989 – Fair of Bologna and Bari. Exhibition at the Galleria Sigismondo, Rimini; winner of the Teramo literary prize, in Teramo.

1990 – He participates in the Suzzara Prize (MN); Bologna Art Fair; Exhibitions in Milan, Verona and Rimini. He won the “Master” painting prize, Ferrara; He is invited several times to the television show “Maurizio Costanzo show”.

1991 – A series of exhibitions are held at Gallery Il Gianicolo, Perugia, Cattani Academy, Bologna and Galleria Filippin, Milan.

1992 – Exhibition in Lucerne (Switzerland) and Galleria Viviani, Pisa.

1993 – Dozza (BO): Biennial of the Painted Wall; Exhibitions at Caerano San Marco (TV), Institute of Culture House “G. Cini “, Ferrara, Gallery Ghelfi, Montecatini Terme.

1994 – Exhibition at the Forni Gallery, Bologna.

1995 – Exhibition at the Gallery Monteforte, Forte dei Marmi, Pisa and Milan.

1996 – Art Fair in Bologna; Exhibition at the Casa dei Carraresi (TV), at the Gallery “The Meeting of Artists”, Trento. Exhibition in the Gallery Spazio Lanzi, Bologna.

1998 – Bologna Art Fair; Exhibitions at Club “La Meridiana” in Formigine (MO), Gallery Gagliardi, San Gimignano, at Turin Lingotto and Cattani Academy, Bologna.

1998 – Participation at Kunstmesse in Düsseldorf (Germany).

1999 – Art Fair of Bologna and collective exhibition in Perugia and Pisa; Exhibitions at the Club “La Meridiana” in Formigine (MO), Gallery Gagliardi of San Gimignano, Gallery Puccini, Ancona

2000 – Participates at Miami Art 2000, Miami Beach International Fair (USA); exhibition entitled “The poetry is made image” at the Chiostri of S. Domenico of Imola (BO).

2001– Exhibition at San Giorgio in Poggiale, home of the Collections of Art and History of the Cassa di Risparmio Foundation in Bologna. Participation to the Lineart Gent Fair (Belgium). Exhibition at the XC Pacific Room, Forlì.

2002 – Art Fair in Bari and Padua and personal exhibition at the Gallery Mentana in Florence under the patronage of the City of Florence. Exhibition at the Circolo Virtus in Bologna, he commemorates his tenist friend Orlando Sirola. Exhibition at the Circolo del Castellazzo, Parma. In November and December 2002 he exhibited at the Galleria Comunale d’Arte Ex Pescheria in Cesena and on that occasion the Regional Council of Emilia Romagna recognized the cultural value of the event and the artistic prestige acquired during the years by Tonino Gottarelli, attributing him a plate and a trophy.

2003 – In April, the Grand Duchy of Luxembourg invited him to exhibit in the halls of the Munster Circle; in the following month he participated in the “Vernissage” exhibition in the Forlì Fair. He exhibited at the Galleria The meeting of artists in Trento in November and in the same month took part in a wide exposition at the Forlì Contemporary Art Fair.

2005 – Exhibition at the Galleria “Il caminetto” of Bologna. In June, in collaboration with the Department of Culture of Rimini, a major he has exhibited over 70 paintings was presented at the Sala delle Colonne. Shortly thereafter, in November, the City of Cesena together with the Foundation organized at the Municipal Art Gallery, an exhibition that enclosed the last thirty years of artist’s activity, titled “Respiri di poesia“.

2006 – Exhibition at the Gallery “The Meeting of Artists” in Trento. Art Fair of Padua and Forlì.

2008 – Exhibition in Lugo di Romagna and in the Galleria The meeting of artists in Trento.

2010 – Exhibition at the Cattani Academy of Bologna;

2013 – Exhibition at the Fondantico Gallery in Bologna;

2017 – Exhibition commemorating 10 years since Tonino Gottarelli passing away at the Museum of San Domenico in Imola by Claudio Spadoni.

Publications and Reviews

Giorgio Ruggeri

Sogni, rimembranze e foglie morte nei quadri di Tonino Gottarelli”

Catalogo mostra Galleria “Casa dell’Arte” (Sasso Marconi) – 1984

Tonino è un’anguilla innamorata. L’osservi filare sognante e solitario nella luce che fa specchio e si rifrange, ma non pensare di poterlo afferrare onde mettergli addosso un’etichetta. Quale? Pittore, Poeta, Filosofo, Sognatore, Forbito Dialettico? Se cerchi il pittore ti trovi fra i piedi il poeta; se insegui il filosofo scopri il dottor sottile; se ascolti il sognatore avverti la presenza di un perenne innamorato non sai se della natura o delle celesti creature che abitano il pianeta. Adesso è però gioco forza incastrare il pittore, soltanto il pittore, e vedercela fra noi.

Lo inseguo da molti anni e sempre mi ha incantato la sua costante disposizione a saper guardare le cose con l’occhio del poeta. La linea grigia o azzurra all’orizzonte l’esempio è suo gli sembra un divieto oltre il quale solo a lui è dato di guardare, e quella linea come non accorgersene? – corre sulla tela con tenerezza infinita. Lui stesso dice di andar perfezionando il suo destino salvando foglie e fiori veri, dimenticati nel fondo dei fossi o dei cassetti, per incollarli nei collages o dipingerli sulla tela.

I paesaggi, le marine, le dolci colline della sua Romagna, i fiori, le foglie morte, ogni suo intervento grafico o pittorico porta il segno inconfondibile di una limpida personalità. Estraneo ad ogni tendenza vecchia o nuova, il solitario pittore imolese sembra voler seguire soltanto i suoi sogni, i suoi ab- bandoni, gli uni e gli altri traboccanti dal fondo di una esistenziale malinconia. Talvolta, è vero, indulge a concessioni letterarie; più spesso si rivela in- vece, con autorità, pittore dal segno elegante, di buona educazione figurativa, anche impaziente nella sintesi del gesto espressivo; padrone di una tecnica esercitata. (…)

Efrem Tavoni

Mostra di Tonino Gottarelli – Galleria La casa dell’Arte – Sasso Marconi (Bologna) – 1985

(…) Tonino Gottarelli è un nome caro alle genti di Romagna, la sua terra; anche se gli va un po’ stretta perchè come artista e poeta si considera cittadino del mondo.

I suoi quadri nascono da un costante stato di grazia che sembra connaturato al suo animo gentile. Non distraetevi nel guardarli: scoprirete facilmente il sottile lirismo di questo poeta della penna e del pennello, restandone subito affascinati. Non stupitevi se il nome dell’artista non è risonante. Il nostro paese, per fortuna, riserba sempre sorprese. Esistono ancora pittori che operano in silenzio, lontano dal clamore delle mode e della pubblicità, seriamente impegnati nella ricerca di una loro e nostra verità poetica.

Alessandro Mozzambani

presentazione Quaderni “Artisti Italiani d’oggi” Nr. 500 – Ed. Ghelfi – 1988

Nel caso del pittore imolese Tonino Gottarelli rimane evidente il cuneo di sostegno (e di perforamento) del poeta contemporaneo che alberga nel pittore finché il pittore vive insieme al poeta. Ci avverte infatti Giorgio Ruggeri – in un bel testo intitolato Se il poeta scopre il colore della rosa – che nel caso di Gottarelli “il poeta e il pittore si pongono a tali punti di equidistanza da non riuscire a capire chi prevalga; non si riesce a stabilire se sia un poeta che dipinge o un pittore che scrive versi”.

Ma Gottarelli supera da par suo, con noncuranza quasi, il problema nella sua “impasse” dialettica, e lo fa proponendoci quadri dipinti, o altrettanto “scritti” con l’efficace disinvoltura di un segno che traccia confini al quadro, nel contempo allargando la sua capacità di inglobare lo spazio dipinto nella fisica rispondenza di quel disegnare calligrafico e altresì somatico. Non servono allora perizie grafologiche, ma una serie di aderenze, di simpatie, di accensioni di curiosità: quando il segno regge lo spazio dell’immagine, o quando, invece, il quadro appena accennato o fisicamente definito, celebra lo scatto del polso che così meraviglia la sua improvvisazione (che, però, nel primo piano diventa elemento fondamentale e che domina, ben oltre le intenzioni, il messaggio visivo, la sua dolce violenza didascalica, la sua fragranza: che invitano al minimo avvertimento, alla celia accennata ma dall’evidenza della metafora solenne). A quel punto la tentazione verso il poeta, o d’altro canto dalla parte opposta del pittore, non ha più ragione d’essere in quanto la pittura sa dare ad ambedue nella sua proprietà immensa la parte di primato e di conseguente amalgama successivo, e determinante alla pari del massimo, adesso, dei risultati e delle risultanze sia critiche che emotive o espressive. (…)

Franco Basile

“VISTA GRANDE”

catalogo mostra Galleria Forni – Bologna – 1994

Nell’opera di Gottarelli permane, tra parola e immagine dipinta, una comune radice, quasi un lirico 1etrisme che si avviluppa al colore per dare misura ai granelli usciti dalla macina del tempo. Scrivere e dipingere, raccontare le cose come in una favola raccolta per strada e spingere l’occhio in un mare senza orizzonti, lontano, ben oltre il dato fisico per vivere una poesia che è un’ubriacatura tra brani di lettere e schegge di tavolozza, per comporre un dipinto che è l’estratto di un sogno dove le linee e i valori cromatici sono elementi che parlano con gli accenti della scoperta, liberati come sono da ogni funzione illustrativa. E se l’artista si sente bloccato da antinomie che paiono insuperabili, se il riverbero di un remoto accordo non basta per rendere esplicita un’annotazione sentimentale, ecco la magia del dato elegiaco, sia esso una risultante segnica o un’accezione cromatica. Per cui non resta che la semplicità di una parola qualsiasi da applicare alla tela, non resta che toccare le corde dell’espressività per collocare in uno spazio aprospettico quei granelli che nella composizione si fanno parvenze di nuove realtà. Come alludere a una fatalità poetica nella individuazione di una componente aggiuntiva da traslare in una accesa compagine coloristica, come svolgere un’azione per certi aspetti riconducibile alla veemenza cromatica di Secam o all’inquietudine di un De Kooning, laddove il tratteggio denuncia la volontà di non indulgere nei dettagli e nella specificità.

Paesaggi non risolti, che non propongono una definizione del reale, visioni d’atelier, fiori e nature morte simili a cifre di enigmi palpabili e che diventano attrazioni private di un mondo altrettanto privato. Tutto è motivo di analisi e di meraviglia per Gottarelli che da una bava di vento, come da un’ombra, sa trarre motivi da trascrivere coi toni dell’incanto. La vita srotola un infinito tappeto di albe e di tramonti, il tempo corre come un treno senza freni. (…)

Vittorio Sgarbi

“Dare una mano al sole”

Presentazione catalogo “La poesia si fa immagine” Pinacoteca Comunale Imola – 2000

“Dare una mano al sole”. È questo il ruolo nel quale Tonino Gottarelli, poeta con le parole e con i pennelli, riconosce la propria identità di pittore, individuando in essa il senso più autentico della propria arte. Un ruolo che, per chi non conosce Gottarelli, potrebbe sembrare di ambizioni titaniche, da novello Prometeo dei nostri giorni. E’ invece una cotidiana oratio di francescana umiltà, una filosofia non dei cieli, ma della terra e per la terra che è strettamente imparentata col più umano dei sentimenti della natura.

Dare una mano al sole significa, nel linguaggio dolce e suggestivo di Gottarelli, “togliere le cose dal buio”, guardare oltre quanto ci concede la vista fisica, cercare in profondità la loro sostanza sotto l’aspetto più esteriore. Dare una mano al sole significa guardare con gli occhi dell’anima. Sono ormai cinquant’anni che Gottarelli guarda e dipinge con gli occhi dell’anima, facendo di questa esperienza un motivo di vitale necessità non solo per la propria arte, ma anche per la propria esistenza. Non ha bisogno Gottarelli, di guardare Caspar Friedrich per concentrare la propria riflessione sulla natura, allo stesso tempo esistenziale ed estetica. Non ha bisogno dello shock emotivo che genera la cognizione del sublime per interrogarsi sui massimi sistemi.

La natura di Gottarelli, così apparentemente semplice, così comune nella sua omologazione alla semiologia della civiltà moderna (i cartelli stradali, i pali della luce che campeggiano in tanti dipinti dell’artista), così lontana da qualsiasi ragione di inquietudine, sembrerebbe definire quasi una dimensione dell’anti-sublime rispetto a quella dei paesaggisti romantici. Ma sarebbe una contrapposizione, questa fra sublime e anti-sublime, che rischierebbe di creare fratture fra Gottarelli e i suoi teorici precedenti. (…)

Alberto Bretoni

“Gottarelli scrittore”

da Presentazione catalogo “La poesia si fa immagine” Pinacoteca Comunale Imola – 2000

… Chi è Gottarelli scrittore? (…) È un artista colto e formato anche sul piano accademico. La sua è una scrittura che usa il linguaggio in un modo che ha ancora le tensioni, qualche volta le esagerazioni, la messa a nudo di un cuore, ma che tende già a forme più ordinate, mira a dare e costruire delle prospettive, ed a porre in rapporto un’individualità sensibile, che sente, percepisce e si lascia, come una lastra fotografica, impressionare dal fenomeno del mondo. Dentro questa nuova prosa, tesa, nervosa e rapida si colloca la scrittura di Gottarelli. Certamente in Gottarelli, c’è questa capacità, questa dinamica, da una parte di movimento impressionistico di registrare ciò che appare nell’istante, nel momento che è fuori di noi, nella realtà; e dall’altra c’è una tensione opposta, di gusto espressionistico, quella di far parlare il particolare. È la capacità di tenere in equilibrio e di rendere espressiva questa tensione fra gli opposti, che è all’apparenza una contraddizione nei veri artisti, è una qualità nuovamente dinamica. E la sua scrittura di Gottarelli va proprio in questa direzione. (…) Ciò significa che Gottarelli è uno scrittore che non aveva sulla pagina delle certezze su cosa dire e come dire, ma è uno scrittore che si apre alla possibilità anche istintiva, purché quest’istinto inquadri una visione della realtà, incornici una presa di posizione consapevole sulla realtà e della realtà. (…)

Marilena Pasquali

“Respiri di poesia”

Presentazione catalogo “Respiri di poesia” Galleria d’Arte Comunale Cesena – 2005

Ogni volta che mi trovo davanti ad un’opera di Tonino Gottarelli provo una impressione immediata di pacatezza serena che vale in quanto accettazione consapevole della vita, comunque bella anche se irta e difficile come una corsa ad ostacoli. Anzi, i dipinti dell’artista romagnolo aiutano a comprendere come sia possibile gustare appieno la vita senza dover forzatamente partecipare a questa corsa quasi sempre spietata, per ritagliarsi piuttosto una propria nicchia di riflessione e di saggezza che non esclude a priori il dialogo con gli altri ma che esige rapporti autentici, relazioni profonde, incontri veri.

Il terreno di incontro con Tonino è quello della poesia, da lui tradotta ora in immagini ed ora in parole, sempre per brevi respiri sull’orlo del silenzio.

Le sue strade che si perdono nell’altrove, dietro l’orizzonte di una curva; i suoi fiori concentrati nella levità di un petalo; le sue carte intrise di colore che sembrano sollevarsi l’una dall’altra per lasciare a poco a poco traguardare qualche briciola di un diverso, più profondo reale; certi appunti tracciati con mano leggera sul corpo stesso della tela, segno che sottolinea la magia del colore e pare volerla trattenere mentre tutto va sfumando nella luce: tutto nell’opera di Tonino racconta della sua ormai lunga “convivenza con la vita” che trova nelle pieghe più segrete del quotidiano -i semplici, quasi sparuti oggetti d’atelier,  i paesaggi ricreati nella memoria, un mazzo di fiori che lentamente sfiorisce toccato da un ultimo raggio di sole- la sua giustificazione espressiva, la sua ragion poetica. (…)

Claudio Spadoni

“Gottarelli: La visione-emozione”

Presentazione catalogo “Il colore dell’anima” Museo San Domenico Imola – 2017

“Per me è più facile dipingere che scrivere, ed un’emozione preferisco di regola renderla attraverso la pittura. Dipingo con estrema immediatezza, e potrei paragonarmi a quegli scrittori capaci di scrivere cinquanta pagine in due o tre ore, senza mai interrompersi.” Sono già enunciati, in queste parole di Gottarelli in risposta a una domanda di Paolo Levi, alcuni caratteri fondamentali della sua pittura. (…) Detto in breve, un’emozione da trascrivere per immagini, colori, forme, con l’immediatezza, la spontaneità, la rapidità del gesto pittorico, della pennellata che scorre, indugia per un attimo, sfiora la superficie come sospinta da una folata di vento, o si addensa fissandosi sulla tela o sul foglio. (…)

 

Per cogliere la sola realtà possibile, quella della superficie, appunto: “una sorta di velo privo di profondità”, come scriveva lo stesso Gottarelli, secondo quello che chiamava “il punto di vista”. E diciamo subito, il punto di vista di un filosofo e insieme di un bambino. Perché in Gottarelli le due figure quasi paradossalmente fanno tutt’uno. In questo sta l’originalità dell’artista e dell’uomo, sicuramente al di fuori delle convenzioni, delle regole del gioco soprattutto di questo nostro tempo. Poteva parlare di Nietsche, Groddeck, Reich, e insieme affermare con molto candore d’essere un pittore che voleva solo essere pittore, con l’obiettivo di fare semplicemente dei bei quadri, non dettare dei paradigni estetici. Un’affermazione all’apparenza quasi disarmante, che amava ricordare; ma presa da Kandinsky e certo con la consapevolezza che in bocca ad un pittore-teorico come il russo aveva tutta l’aria di un ossimoro. Uno dei tanti ossimori su cui ha fondato buona parte della propria storia l’arte contemporanea.  Gottarelli diceva di non andare oltre la superficie delle cose, che poi sarebbe a dire, sostanzialmente il paesaggio o la natura morta, poiché la sua pittura è per lunghi tratti quasi svuotata della figura umana, salvo qualche rara apparizione. (…)

Altre volte   pittura e collage si spartiscono porzioni di spazio con un sorprendente risultato di osmosi, o finendo per rimarcare invece un rapporto fra diverse qualità materiche. Da scandagliare, scoprire, come tutta la pittura di Gottarelli, quali momenti di una visione-emozione ricercati e vissuti ogni giorno con incorrotta sincerità e filosofico candore.

Related Projects
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search